facebook
instagram
whatsapp
telegram

Cammino di Perfezione di S. Teresa di Gesù

25-09-2021 10:00

Fra Vincenzo

Totustuus_ocd,

Cammino di Perfezione di S. Teresa di Gesù

La rinuncia di noi stessi

 

 

 

 

 

 

 

                      Spunti di riflessione a cura di Fra Vincenzo OCD

 

Meditazione n° 17

 

«Tutto o quasi tutto, consiste nella rinuncia di noi stessi e delle nostre soddisfazioni» (12,2).

 

In questo dodicesimo capitolo la santa madre mostra come sulla via di perfezione sia necessario rinunciare a se stessi e alle proprie soddisfazioni per poter amare con cuore libero Dio. Rinunciare alla propria libertà per rimetterla alla Volontà di Dio è fondamentale per potersi elevare a una gioia maggiore, quella appunto in Dio. Bisogna rinunciare non solo alla propria volontà ma anche a quei piccoli desideri della natura. Voi direte che male c’è! Nessun male ma diceva il nostro padre san Giovanni della Croce che anche un sottilissimo filo, legato alla zampetta, non permette a un uccellino di prendere il volo e così le piccole cose della terra, non ci permettono di elevarci a Dio. Dobbiamo essere capaci di «esser pronti a morire per Lui» consapevoli che il martirio non è soltanto quando il corpo muore per mano di eretici e persecutori, ma anche nella quotidianità, vivendo tutto alla luce del Vangelo e per la maggior gloria di Dio. Bisogna per questo vigilare sui propri moti interiori senza mettersi al di sopra degli altri, ne soffermarsi su questi con altri (lei usa parole forti chiamando “peste” la mormorazione), anzi è necessario respingere pensieri del genere ed eccitarsi a vicenda per superarsi reciprocamente al fine di raggiungere la Meta. L’arma per vincere questa battaglia è la preghiera, consapevoli «che Dio concede le sue grazie anche a coloro che non sono ancora giunti a questo completo distacco» (12,5). Ci mette in guardia da un’altra peste che è il nostro amor proprio e il desiderio che emerge da questo di essere stimati. L’anima che ricerca questo tipo di “onore” alla fine “torna al suo vomito” (cfr 2Pt 2,22), torna cioè alla sua vita passata dimenticando tutto quello che Dio ha fatto per lei. La santa madre ci dà un consiglio per liberarci da un tale morbo: l’umiltà, non solo internamente ma anche negli atti esterni, cercando di essere considerati poca cosa e di fare sempre le mansioni più umili. Questo discorso non riguarda solo le monache, riguarda anche te che stai leggendo e che sei madre di famiglia, o padre, o zio o nonna, che lavori in fabbrica o in un’azienda o nei campi, che studi o che insegni, perché tutti siamo chiamati a vivere la chiamata all’Amore “fiorendo là dove il Signore ci ha posto” (cfr Beata Elia di san Clemente). «Studiate di vincere la vostra volontà praticando cose che vi ripugnino» (12,7): ecco il segreto! Gesù stesso ci ha detto che: «non si può servire due padroni: o si odierà l'uno e si amerà l'altro, o si preferirà l'uno e si disprezzerà l'altro» (cfr Mt 6,24). Allo stesso numero la santa madre afferma: «Non v’è al mondo tossico che più distrugga la perfezione, quanto la preoccupazione del proprio onore». Il demonio sa bene di che pasta siamo fatti e se ci trova “ancorati” a noi stessi farà tutto ciò che è in suo potere per farci credere che siamo nel giusto, facendoci perdere di vista il vero Amore: Dio. Giustificandoci non perdiamo solamente il “merito” di una determinata azione, ma anche l’occasione di unirci più intimamente a Lui, di imitarlo nell’umiltà, nel nascondimento. Alla fine del capitolo la santa madre si sofferma sulla carità e ci ricorda che anche in questa dobbiamo essere “discreti”, silenziosi, senza squilli di tromba, mostrandoci compassionevoli gli uni verso gli altri, come lo è stato Gesù per ciascuno di noi. È vero stiamo facendo un “cammino” con santa Teresa d’Avila, ma questo non significa che sia una passeggiata! No, questo è un autentico “Cammino di Perfezione”, che implica un impegno personale e costante, perché, come insegna sempre Papa Francesco, «la santità è per tutti», nessuno escluso, anche tu sei chiamato a realizzare il progetto d’amore che Dio ha pensato da sempre per te… quindi diamoci da fare!

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder